ASP Daniele Moro
 
Home / Minori e Famiglia / Set

Set

Il Servizio Educativo Territoriale comprende gli interventi di sostegno socio–educativo attivati dal SSC, che si possono esprimere in forma individuale piuttosto che di gruppo attraverso diverse tipologie di servizio:

  • assistenza domiciliare minori (ADM);
  • servizio “Domino”;
  • interventi socio educativi per disabili ai sensi della LR 41/1996;
  • progetto "Chi sarò"

Assistenza Domiciliare Minori (ADM)

Le attività afferenti agli interventi domiciliari mirano a superare il disagio già manifesto dei minori, limitando il ricorso all’allontanamento familiare ed incidendo sul contesto territoriale e domiciliare, anche attraverso la creazione di sinergie istituzionali con il Distretto Sanitario e le scuole.

 

Gruppi “Domino”

Questo Servizio si svolge in piccoli gruppi cooperativi di minori appartenenti a diverse classi di età: da bambini frequentanti le scuole primarie sino ai ragazzi delle scuole secondarie di 2° grado. Il servizio si rivolge in particolar modo a bambini e ragazzi che vivono situazioni di disagio ai quali vengono proposte attività ed esperienze al di fuori dell’ambiente scolastico e/o familiare ed un confronto con i propri coetanei.

 

Interventi Socio-Educativi (LR 41/96)

Gli interventi Socio–Educativi ai sensi della LR 41/1996, sono finalizzati al sostegno della persona disabile e alla tutela del suo legame con la famiglia e il proprio ambiente di vita, attraverso un supporto mirato all’acquisizione o al mantenimento di una propria autonomia. Tali interventi possono realizzarsi sia in contesto scolastico che familiare attraverso la presenza di un educatore professionale in un rapporto uno a uno.

 

Progetto "Chi Sarò" - servizio educativo rivolto a giovani frequentanti le scuole superiori

L’iniziativa ha lo scopo di accompagnare i ragazzi che si trovano in condizione di fragilità e che frequentano l’Istituto Superiore “Jacopo Linussio” di Codroipo (in particolare coloro per cui è stato elaborato  un Piano Educativo Differenziato) verso un futuro inserimento lavorativo e professionale.

Si tratta di un’azione propedeutica tesa a favorire un futuro inserimento nel mercato del lavoro attraverso il miglioramento delle competenze relazionali e delle abilità sociali dei ragazzi attraverso la resenza di personale educativo.